I GIOCHI PER I BAMBINI AD ASSAGO…….SOLO DOVE SON BEN VISIBILI

Ebbene si ad Assago la nostra amministrazione guidata da Musella installa i giochi per i bambini nei luoghi ben visibili spostandoli da dove si era già stabilito di montarli.

E’ stato brutto leggere la lettera firmata dal sindaco Musella dove viene richiesto di spostare la struttura gioco “Nave dei Pirati” dalla zona D4, dove era originariamente previsto, in Largo Padre Pio.

Lettera del sindaco

Download (PDF, 240KB)

Allora è proprio vero che questa giunta lascia morire le periferie.

Nel nostro comune non devono esistere zone visibili e zone non visibili.

Quindi dopo il ponte che non c’è ora abbiamo anche la nave dei pirati ben visibile.

Non vedo l’ora di andare a votare.

 

 

 

SICUREZZA LAVORI AMPLIAMENTO MENSA SCOLASTICA

In data 07/11/2016, durante le ore scolastiche, l’impresa esecutrice delle opere in oggetto, ha proceduto alla demolizione della scala di emergenza in ferro senza avvisare la scuola nella persona della Dirigente scolastica e/o RSPP del plesso scolastico.

Tale lavorazione ha messo a rischio la salute e la sicurezza del personale di servizio e dei bambini, che dopo qualche ora sarebbero arrivati in mensa per pranzare.

La Direttrice scolastica, accortasi di quanto stava accadendo, ha immediatamente protestato con gli operai (bloccando di fatto la lavorazione)  e avvisato alcuni componenti del Consiglio d’istituto che giunti sul posto hanno potuto constatare quanto accaduto.

Considerando che nel piano di sicurezza e coordinamento veniva menzionato “…. quale primo fattore di rischio l’interferenza con gli utenti della mensa scolastica”.

L’art. 92 del D. LGS 81/2008 al comma 1 lettera a) prescrive al CSE di: “verificare, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l’applicazione, da parte dell’impresa esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni a loro pertinenti contenute nel piano di sicurezza e coordinamento di cui l’articolo 100 ove previsto e la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro”.

Nel PSC sono stati previsti circa 64.000 euro di oneri per la sicurezza diretti e indiretti da riconoscere all’impresa per l’esecuzione dei lavori nel rispetto della sicurezza.

In data 18/11/2016 venivano richiesti copia dei seguenti documenti:

  • Piano di sicurezza e coordinamento
  • Piano operativo di sicurezza
  • Verbale di coordinamento
  • Piano di evacuazione scuola

Ricevendo di fatto solamente il Piano di sicurezza e coordinamento ed un Verbale di cantiere “spacciato” per Verbale di coordinamento.

Per le gravi responsabilità del CSE che non ha provveduto a convocare prima dell’inizio dei lavori una Riunione di coordinamento invitando anche la Direttrice scolastica ed il RSPP del plesso e le gravi responsabilità dell’impresa esecutrice, che nonostante le prescrizioni contenute nel Piano di sicurezza e coordinamento, ha proceduto alla demolizione della scala di sicurezza senza accertare preventivamente che gli utenti della mensa fossero sufficientemente informati ed edotti di quanto stava per accadere.

Per questi motivi  il consigliere M5S Maurizio Lo Presti ha protocollato un’interrogazione chiedendo all’Amministrazione Comunale

  • se è al corrente di quanto accaduto il giorno 07/11/2016 e della sua gravità;
  • se ha denunciato quanto accaduto all’ASL;
  • se ha preso provvedimenti in merito chiedendo al RUP di sollevare dall’incarico il CSE per gravi negligenze;
  • se ha preso provvedimenti in merito chiedendo al RUP di non riconoscere interamente all’impresa l’importo relativo agli Oneri di Sicurezza.

Download (PDF, 698KB)

Aspettiamo risposta al più presto, ma se continuano a non convocare i Consigli comunali …..

 

PARCO AGRICOLO: TROVATO ANIMALE MORTO

Domenica ho fatto un giro al parco agricolo per verificare se le istituzioni locali, e non,  si erano attivate per risolvere i problemi evidenziati nelle interrogazioni e segnalazioni.

TUTTO COME PRIMA

Anzi no una novità c’è

 

Non so se l’animale è morto perché ha bevuto e mangiato nella roggia “fogna”  Brianzona ma la carcassa è li a pochi metri.

Una cosa è certa dall’odore uno non si può avvicinare e i fanghi depositati sul fondo, di colore biancastro, non ispirano molto.

Roberto Murolo