DOPO IL VOLANTINO ORA ANCHE IL CALENDARIO CHE ILLUSTRA A MODO SUO

In questi giorni stanno consegnando l’ ecocalendario 2017 del comune di Assago.

Nella prefazione l’amministrazione asserisce che:

  1. “è stato possibile raggiungere la percentuale del 59,5 % nella raccolta differenziata dei rifiuti, che equivale ad un livello di eccellenza per una realtà importante come il nostro Comune”
  2.  “La produzione annua di rifiuti raggiunge quasi 6.100 tonnellate, di cui oltre 2.000 t di frazione secca non recuperabile”
  3. “contenere ulteriormente i costi del servizio strettamente legati all’importo della tassa rifiuti a carico di ogni cittadino e di ogni attività economica”.

Ora i dati ufficiali del MUD 2015 presentato dal comune nel 2016 e consegnato alla camera di commercio:

  1.  La raccolta differenziata è al 50,99 % e nella nostra provincia siamo al terzultimo posto meglio di noi ha fatto Milano col 56,52 %
  2. la produzione annua è di 5939,41 t. e la raccolta indifferenziata è di 2911,06 t.
  3. nel 2016 la TARI è aumentata di circa il 44 %

Dal calendario si evince che i passaggi per ritirare l’indifferenziato passera da due a uno settimanale quindi anche i costi diminuiranno ?

Ancora una volta l’amministrazione fa propaganda divulgando volantini ed ora anche calendari con dati quanto meno discutibili.

Forse vivono in un altro comune.

Ma pensano veramente di prendere in giro tutti i cittadini ?

Roberto Murolo

 

RISPOSTA ALLA MOZIONE SULLA TARIFFA PUNTUALE

Il 15 aprile c’è stato, dopo quasi 4 mesi, il Consiglio Comunale.

Finalmente all’ordine del giorno c’era la nostra Mozione sulla Tariffa Puntuale.

Mi sono recato al Consiglio già sapendo la risposta della Giunta, si propio così, nei documenti che vengono messi a disposizione all’atto della convocazione c’era già la risposta.

Ovviamente, come potete immaginare, la risposta  d’indirizzo politico era negativa.

Non è tanto il no, che me lo aspettavo, ma è il ragionamento che l’assessore Burgazzi fa per giustificare la risposta che mi lascia perplesso.

Burgazzi sostiene che l’orientamento dell’Assessorato è sulla”impostazione gerarchica”.

Impostazione gerarchica, che parolone, ma cos’è questa nuova impostazione? Non preoccupatevi è esattamente quello che si fa ora. Come sempre puntano sulla forma ma non sulla sostanza.

Burgazzi sostiene,inoltre, che i numeri riportati sul MUD non sono reali, sono numeri da INTERPRETARE. Ricordo che è il comune a redarre il MUD, un documento che ogni amministrazione è obbligata a consegnare alla Camera di Commercio.

L’assessore Burgazzi, portando altri numeri forniti sempre dal comune, fa notare che il vero problema della raccolta è dovuto alla  forte presenza di zone commerciali. Zone dove è difficile fare il differenziato.

Ma è proprio attraverso la Tariffa Puntuale, dove chi più produce indifferenziato più paga, che si incentivano i privati a differenziare.

Ultima considerazione della Giunta è sul concetto della Tariffa Puntuale. Essi sostengono che sono contro le politiche che puniscano, facendo pagare di più alcuni servizi, chi non rispetti certi parametri.

Ma l’adozione della Tariffa Puntuale, è l’esatto contrario, premia chi regolarmente fa la raccolta differenziata. Lo premia  a tal punto che pagherà di meno la tassa sui rifiuti.

Anche questa volta hanno dimostrato che bocciano, a priori, ogni nostra proposta.

MA  ARRIVERA  L’INVERNO.

Roberto Murolo