Archivi tag: box interrati

BOX INTERRATI: E’ STATO CHIESTO IL PAGAMENTO DEL CANONE TOSAP ? QUESTA SERA LA RISPOSTA DEL COMUNE

Proprio così, è stata protocollata un’interrogazione dove si chiede non  solo se è stato fatto pagare il canone della TOSAP per l’occupazione del suolo ma anche:

  • Come mai il comune non ha fatto rispettare l’art. 89 del codice degli appalti ?
  • Chi ha pagato la pulizia e lo smantellamento del cantiere ?

Inoltre si chiede di non procedere sulle altre due zone individuate nella concessione.

Qui l’interrogazione protocollata

Download (PDF, 634KB)

Mi raccomando partecipate numerosi questa sera.

 

NO MA…. IL PROBLEMA SONO GLI OLII E I LIQUIDI PERSI DALLE MACCHINE NEI PARCHEGGI

Dobbiamo rifare i parcheggi perché i liquidi e gli olii persi dalle macchine inquinano i nostri terreni e noi questo non lo possiamo permettere.

Così più volte il sindaco Musella ha giustificato l’operazione dei box.

Vero, ma perché non fanno nulla per le rogge?

Domenica sono andato a vedere la roggia in via Verdi angolo via Sicilia e questa è la situazione.

img-20161009-wa0001

Peccato che non si possano sentire gli odori.

Roberto Murolo

 

 

 

PARCHEGGI I° MAGGIO SENZA COSTI PER LE CASSE COMUNALI……NO COSTANO 98.000 EURO

Il volantino  “AVVISO ALLA CITTADINANZA” dove il Sindaco Musella e l’Assessore Burgazzi avevano il piacere di comunicare l’inizio dei lavori dei parcheggi a raso in Via IV Novembre, I° Maggio e la realizzazione di box interrati a completamento della riqualificazione di tutto il nostro centro storico diceva “non avranno nessun costo per le casse comunali” ma con delibera di giunta N°. 123 del 25/08/2016 con oggetto: Atto di indirizzo e approvazione del progetto definitivo ed esecutivo per la realizzazione del nuovo parcheggio di Via I Maggio il costo reale non è zero ma è di 98.000 euro.

Quindi ennesima bugia.

Ricapitolando questa amministrazione per realizzare i parcheggi a raso:

  • Sacrifica parte del giardino della scuola materna
  • Non tiene conto delle oltre 700 firme, raccolte in pochi giorni, di assaghesi che sottolineano l’inutilità dell’opera
  • Non tiene conto degli incontri pubblici
  • Spende 98.000 euro in un periodo di ristrettezza economica per il nostro comune

e ultima novità

  • Sacrifica gli orti delle case comunali

Devo dire propio un ottimo lavoro.

Noi non ci fermeremo e continueremo a vigilare e a manifestare contro questa amministrazione.

Roberto Murolo

Download (PDF, 166KB)

IL BUGIARDINO

Nei giorni scorsi è stato distribuito un volantino dove veniamo apostrofati come dei bugiardi o allarmisti.

Vorremmo precisare che noi del M5S non siamo allarmisti e ancor meno dei bugiardi.

A riprova di questo ci preme sottolineare alcuni passaggi del volantino.

  •  LAVORI OBBLIGATORI DI MESSA A NORMA

l’art. 3.0 del REGOLAMENTO DI IGIENE  specifica “a tutti i nuovi interventi” se non facevate i box non avevate nessun obbligo.

  • COMPLETAMENTO A COSTO ZERO

perché nella DELIBERA DI GIUNTA scrivete “attraverso apposite individuazioni di risorse, aggiudicare i lavori per il completamento dell’ampliamento dell’area parcheggio nel rispetto della normativa vigente per ulteriori 40/50 posti auto” ?

  • 16 POSTI AUTO IN PIU’

perché nel volantino “AVVISO ALLA CITTADINANZA” avete scritto 20 ?

  • L’AMMINISTRAZIONE CONCORDERA’ CON LE ISTITUZIONI DELLA SCUOLA

perché la Preside vi ha scritto dicendo “In data 9 MAGGIO sono venuta a conoscenza che il plesso della scuola dell’infanzia Mariele Ventre subirà la riduzione del giardino a causa della realizzazione di posti auto in via I Maggio” ? notate bene la data.

ALLORA CHI SONO I BUGIARDI ?

Roberto Murolo

 

BOX INTERRATI: PETIZIONE

2 GIU 2016 — La raccolta firme cartacea per il NO ai box interrati e sfruttamento del verde pubblico si è conclusa con…726 firme! Soglia minima di 100 firme ampiamente superata!
Martedì 31 maggio l’atto di petizione è stato consegnato e registrato al protocollo generale del Comune di Assago. Ora, come richiesto, attendiamo che l’amministrazione indica un consiglio comunale aperto, un’assemblea pubblica o altre iniziative finalizzate a informare e coinvolgere la cittadinanza al fine di operare scelte che siano condivise dalla comunità. Vediamo se saremo ascoltati!

IL VOLANTINO CHE ILLUSTRA MA ANCHE NO

Il 18 maggio c’è stato il famoso incontro informativo voluto dal comitato genitori per avere un chiarimento a seguito della comunicazione mandata da questa amministrazione, riguardante l’immediata costruzione di parcheggi, dove attualmente è sito il giardino della scuola dell’infanzia Via Dei Caduti.

Non mi soffermo sul fatto che è stata invitata solo l’amministrazione con il sindaco Musella e gli assessori Vieri e Burgazzi e non i consiglieri di minoranza.

I primi 15 minuti sono serviti al sindaco per elencare le opere che da qui a poco prenderanno il via e ad illustrare con meticolosità il parcheggio che verrà ricavato eliminando una parte del giardino dell’asilo di via dei caduti.

Musella ha sottolineato che tutto questo viene fatto per venire incontro alla richiesta di posti auto  fatta dai genitori dei bambini che frequentano l’asilo e per ovviare al problema di mancanza di sicurezza che si viene a creare negli orari d’ingresso e d’uscita dalla scuola materna.

La maggior parte della platea presente all’incontro ha fatto notare che i parcheggi non mancano e semmai a mancare è l’educazione degli autisti insieme alla presenza delle forze dell’ordine.

Dopo le prime domande di alcuni genitori ho chiesto al sindaco due puntualizzazioni.

Due aspetti per me fondamentali che spiegano la considerazione che l’amministrazione ha di noi cittadini.

Ho chiesto se l’amministrazione avesse contattato, prima della stesura del progetto, la preside.

Risposta di Musella  “NO e approfitto dell’incontro per scusarmi con la preside per la mancata comunicazione”.

Poi ho chiesto se è vero che il parcheggio sorgerà su quello che oggi è il punto di ritrovo del piano di evacuazione dello stabile.

Sempre il sindaco ha confermato la veridicità della mia affermazione ma ha sottolineato che l’intero progetto dei parcheggi è ancora in fase di approvazione.

Fino a pochi minuti prima era definitivo ora non lo è più, hanno le idee un po confuse.

Allora è stato fatto presente che il comune ha stampato e inviato, alla cittadinanza, un volantino firmato dall’assessore Burgazzi e dal sindaco Musella sull’organizzazione del cantiere dei box interrati.

Riporto frase del volantino “Al fine di limitare i disagi, l’Amministrazione Comunale realizzerà circa 20 nuovi posti auto lungo la Via I° Maggio angolo Via dei Caduti, i quali saranno regolamentati con una sosta di breve durata, dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 17.00.

Non avranno nessun costo per le casse comunali”

Risposta dell’amministrazione il volantino illustra solo uno scenario possibile della viabilità di cantiere.

Incredibile avvisano la cittadinanza con un volantino che illustra ma anche no.

Roberto Murolo

 

NO ALLA DISTRUZIONE DEL PARCO VERDE CIELO PER FARE POSTO A UN PARCHEGGIO

Vi ricordate della vicenda dei box interrati di via IV Novembre? Si?

Ebbene si aggiunge una nuova puntata!

Per permettere ai mezzi d’opera di raggiungere il cantiere, il sindaco Musella con la sua Giunta con DELIBERAZIONE DI GIUNTA N°. 57 del 07/04/2016, hanno deciso di farli passare attraverso il Parco Verde Cielo per giungere in via Di Vittorio.

Nella delibera troviamo scritto “autorizzazione al transito dei mezzi d’opera da Via Di Vittorio, utilizzando la superficie bitumata all’interno del Parco verde cielo,(attualmente quale sedime di fruizione pedonale e viabilità di servizio) che collega Via Di Vittorio con Via I° Maggio (area di cantiere)”

Non contenti hanno stabilito di eliminare parte del parco e con lui alberi e spazio riservato ai cani per un parcheggio  di  40/50 posti auto.

Nella delibera leggiamo anche  “adozione di appropriata autorizzazione per consentire alla ditta aggiudicataria di destinare parte delle terre di scavo, lungo la fascia del parco verde cielo che confina con Via IV Novembre per una profondità di m. 20, per il sottofondo per uno spessore coerente con il carico che la pavimentazione dovrà sopportare e in seguito, attraverso apposite individuazioni di risorse, aggiudicare i lavori per il completamento dell’ampliamento dell’area parcheggio nel rispetto della normativa vigente per ulteriori 40/50 posti auto;”

Ma Musella non aveva detto ZERO CONSUMO SUOLO ?

Ma il Sindaco non aveva detto, in Consiglio, che il contribuente si sarebbe ritrovato dei parcheggi nuovi senza spendere un euro ?

Allora il nuovo parcheggio chi lo pagherà ? Perché nella determina si dice “attraverso apposite individuazioni di risorse”.

Sono incredibili dicono una cosa ma hanno già fatto il contrario.

ORA BASTA

Ci mobiliteremo non solo in consiglio, con relativa interrogazione, ma scendendo in piazza.

Delibera di giunta:

Download (PDF, 301KB)

Roberto Murolo

LA FARSA DEL CONSIGLIO COMUNALE DI ASSAGO

Mercoledì sera ho partecipato all’ennesima farsa del CONSIGLIO COMUNALE DI ASSAGO.

Si, avete capito bene, il Consiglio, principale luogo istituzionale collegiale a livello locale, preposto all’approvazione dei bilanci e soprattutto al controllo politico degli organi esecutivi comunali (sindaco, giunta comunale, ecc.), ad ASSAGO è diventato una FARSA.

La farsa, è un genere di opera teatrale basata su personaggi e situazioni stravaganti dove storie di vita quotidiana vengono raccontate con un certo realismo  ma sempre declinate in modo grottesco.

Questo è quello a cui ha assistito mercoledì sera il pubblico presente in sala. Molti, soprattutto i muselliani doc, potrebbero sostenere che il principale attore della serata sia stato il Consigliere di minoranza del M5S ….. può essere ….. ma la regia del SINDACO e la sceneggiatura dell’ASSESSORE BURGAZZI, ve lo assicuro, sono state davvero superlative.

Chi si fosse perso la serata, visto che le videoriprese sono ancora vietate dal nostro sindaco, potrà leggere di seguito un breve riassunto dei principali momenti dello spettacolo.

PRIMO ATTO: FOGNA A KM “0”

Nel primo atto quel biricchino del CONSIGLIERE M5S ha esordito ringraziando l’Amministrazione per aver concesso per decenni agli amici degli amici di scaricare la propria “m…….” nelle rogge comunali, senza denunciarli ma soprattutto portando ad Assago il primo esempio di FOGNA a KM “0”.

Subito, il mattacchione dell’ASSESSORE BURGAZZI, offeso nel suo animo ambientalista ed ecologista, si è difeso accusando il GRILLINO di essere solamente, come ogni esponente di minoranza, un GRILLO PARLANTE che parla parla e fa pochi fatti, mentre lui, come tutti gli esponenti della maggioranza, in qualità di pubblico ufficiale se fosse stato a conoscenza di una simile illegalità avrebbe, altro che difeso gli amici degli amici, li avrebbe denunciati alla Procura della Repubblica.

Dopo aver sentito la risposta del “BRAVO” BURGAZZI, il GRILLINO, gioca il jolly, e tira fuori una lettera del CAP dove si parla chiaramente di uno scarico abusivo di fognatura nel CAVO CORIO da parte di un’attività commerciale sita, guarda caso, nel COMUNE DI ASSAGO ed invita tutti i CONSIGLIERI COMUNALI, in qualità di PUBBLICI UFFICIALI, a ritrovarsi l’indomani mattina alle 8 davanti alla PROCURA DELLA REPUBBLICA per fare quanto lui, molto GRILLINO e poco GRILLO PARLANTE, ha già fatto qualche settimana prima ….. presentare un ESPOSTO PER DANNO AMBIENTALE ….. affinché la PROCURA possa accertare eventuali reati penali da parte di qualche amico degli amici.

Ma nella FARSA si sa …. si può dire tutto ed il contrario di tutto …. ed il “BRAVO” BURGAZZI, nonostante avesse esordito accusando il GRILLINO di parlare soltanto e di essere pronto a denunciare gli amici degli amici se solo avesse avuto le prove, con grande nonchalance declina l’invito dichiarando di essere già impegnato non solo per le 8 dell’indomani mattina ma anche per i prossimi 80 anni.

SECONDO ATTO: QUESTI BOX S’HANNO DA FA’

Dopo l’intervallo, necessario ai “BRAVI” assessori musselliani per riprendersi dagli attacchi MALEDUCATI del GRILLINO, inizia il SECONDO ATTO.

L’argomento, sempre introdotto dal CONSIGLIERE M5S, riguarda questa volta un altro elemento naturale, si tratta, infatti, non più dell’acqua delle rogge ma del SUOLO e del sottosuolo di Assago. Il GRILLINO, si congratula da subito con la MAGGIORANZA per essere riuscita, nonostante le NUMEROSE ILLEGALITA’ perpetuate durante l’ITER del BANDO DEI BOX, a rilasciare il PERMESSO DI COSTRUIRE per consentire alla G&G di scavare e realizzare questi attesissimi box interrati.

  • Non è bastato, infatti, fare un BANDO privo dei principali elementi giuridici necessari per concedere ad un privato in uso un’area comunale.
  • Non è bastato fare il BANDO ad immagine e somiglianza di due aziende che hanno utilizzato lo stesso studio di progettazione o meglio due collaboratori dello stesso studio di progettazione.
  • Non è bastato indire il BANDO fra il 31 di Luglio ed il 10 Settembre del 2014 quando anche le menti pensanti sono attratte più dalla frescura marina che dalla calura degli uffici comunali.
  • Non è bastato far vincere il BANDO a chi il progetto lo aveva preparato diversi mesi prima del 31 Luglio e non era in possesso dei requisiti minimi richiesti.
  • Non è bastato non verificare i documenti presentati dalla G&G all’atto di presentazione del PERMESSO DI COSTRUIRE (manca la dimostrazione del raggiungimento del 60% delle prenotazioni).

Tutto questo non è bastato ed infatti ci ha pensato la nostra Amministrazione, prima di rilasciare il TITOLO AUTORIZZATIVO, a stipulare una CONVENZIONE ad HOC, completamente diversa da quella presente nel BANDO, modificata in diversi articoli con il solo scopo di tutelare l’interesse del privato e non quelli pubblici.

Dopo le solite MALEDUCATE accuse del GRILLINO LO PRESTI, la parola passa al “BRAVO” ASSESSORE BURGAZZI che, balbettando e cercando conforto negli occhi del regista MUSELLA, afferma ….. QUESTI BOX S’HANNO DA FA’!

Questo è il CONSIGLIO COMUNALE di ASSAGO …… speriamo che “L’INVERNO ARRIVI PRESTO”!!!

Maurizio Lo Presti

Consigliere M5S Assago

ANCHE ASSAGO ERA PRESENTE ALLA SERATA “LA MAFIA NON ESISTE”

Venerdì 4 dicembre, a Rozzano, si è tenuta una serata d’informazione e discussione sul fenomeno della mafia in Lombardia.

E’ stato un incontro molto positivo e ricco di spunti.

Ci siamo resi conto, se ancora ce ne fosse bisogno, di come la mafia sia penetrata nel tessuto sociale della nostra regione.

Tra i molteplici interventi vorrei sottolineare il discorso tenuto dall’unico Consigliere  d’Assago presente alla serata,  Maurizio Lo Presti.

Qui di seguito il video:https://www.youtube.com/watch?v=PVwsFOqFOn8

Roberto Murolo

ASSAGOPOLI

Come ben sapete, Mercoledì 15 si è tenuto l’ennesimo Consiglio Comunale FARSA!!

Dovevate esserci, da non credere!!

Vi ricordate il precedete Consiglio, quando alla mia richiesta di annullamento del BANDO dei BOX INTERRATI, l’assessore BURGAZZI ed il SINDACO MUSELLA, pur di non rispondere alle domande del sottoscritto che evidenziavano l’irregolarità del bando si trinceravano dietro a …”noi diamo l’indirizzo politico e basta il resto lo fanno i TECNICI!!!!”?

Questa volta, per non cadere nello stesso tranello, ho chiesto la presenza del tecnico, l’Ing. ANTONINI, RESPONSABILE dell’UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA in Consiglio Comunale.

Ero convinto di potermi confrontare con lui e chiedergli “Come mai nel bando relativo alla PROGETTAZIONE DEFINITIVA ed ESECUTIVA dell’ampliamento della SCUOLA siano stati chiamati a partecipare alla gara solo 4 professionisti, tra l’altro accoppiabili a due a due (stesso indirizzo e telefono), in contrasto con la legge (ART. 91 DEL CODICE DEGLI APPALTI), che impone che vengano invitati almeno 5 professionisti, quando l’importo dell’incarico è compreso da € 40.000 a € 100.000?”

Purtroppo, anche questa volta, con la solita arroganza hanno ignorato ogni principio democratico di ONESTA’ e TRASPARENZA e non hanno fatto partecipare l’Ing. Antonini al Consiglio.

Si sono limitati a leggere una risposta scritta del tecnico, nella quale con grande disinvoltura non rispondono, infatti, nella lettera non si fa minimamente riferimento all’importo dell’incarico dello STUDIO GUFFANTI GROUP, unico partecipante e vincitore, pari a circa € 51.000 + iva e cnpaia, forse perché avrebbero dovuto ammettere di NON AVER RISPETTATO LA LEGGE, essendo l’importo superiore a € 40.000???

Anche questa volta, come per i BOX INTERRATI,

  • il BANDO viene aperto e chiuso in poco tempo ed a cavallo di una festività, l’altra volta durante le vacanze estive, questa volta nel periodo natalizio!!!
  • coinvolge lo SUDIO GUFFANTI GROUP.

Sono sicuramente delle coincidenze ed io faccio le mie considerazioni sulla base della TEORIA DEL SOSPETTO, così come continua a ripetere l’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA, ma quello che succede ad ASSAGO è veramente particolare, infatti, alle irregolarità dei bandi summenzionati, dovete aggiungere anche quanto successo di recente per il bando di via VOLTA, dove l’azienda che ha vinto regolarmente , si vede costretta, dopo aver ricevuto la comunicazione scritta dell’AGGIUDICAZIONE dal COMUNE, a presentare un RICORSO AL TAR per far valere i propri diritti……. ed il Comune cosa fa? Si oppone al ricorso nonostante sappia che l’azienda sia stata regolarmente autorizzata dall’Amministrazione stessa ad eseguire i lavori….. ASSURDO!!!

Tutto questo SCHIFO a me ricorda tanto quello che è successo negli ultimi mesi in tutta Italia, mi vengono in mente, infatti:

  • il MOSE,
  • l’EXPO,
  • ROMA CAPITALE,
  • ISCHIA

Non vorrei fra qualche tempo scoprire che il figlio di qualche ASSESSORE lavori o abbia lavorato in qualche AZIENDA/STUDIO fornitore del COMUNE DI ASSAGO!!

e

svegliarmi una mattina leggendo sui giornali…..”ENNESIMO SCANDALO NEGLI APPALTI PUBBLICI!!!… ASSAGOPOLI!”

In quel caso non mi limiterò a dire ….. “io lo avevo detto!!!…. mi costituirò PARTE CIVILE e chiederò che i responsabili restituiscano ai cittadini i soldi spesi dal Comune in INCARICHI e CONSULENZE varie!!!

Maurizio Lo Presti

Consigliere M5S