LETTERA APERTA AL GIORNO

Oggi ho scritto una lettera aperta al GIORNO per l’articolo pubblicato qualche giorno fa che attribuiva il merito della nascita del COMITATO PER LA SICUREZZA al Delegato per la Sicurezza Licata ed al Sindaco Musella, chiedendo di leggere almeno i documenti prima di pubblicare una notizia. Come potrete vedere, infatti, anche voi nella premessa della DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE allegata si fa riferimento alla nostra MOZIONE presentata il 03.01.2017, frutto del lavoro di molti cittadini che dal 2015 hanno creato e gestito i gruppi di SORVEGLIANZA DI QUARTIERE. Ho chiesto pertanto che venga pubblicata la mia lettera e che venga fatto un articolo di rettifica che ristabilisca la verità delle cose.

 

IL PONTE CHE NON C’E’ ………. FORSE NEL 2019

Il 20 luglio la Giunta Comunale ha approvato con voti unanimi la delibera n°121 avente ad oggetto: Approvazione dello schema di Convenzione, tra il Comune di Assago e la Società Milano Serravalle – Milano Tangenziali Spa, regolante i rapporti transitori e definitivi per la costruzione e la futura gestione della passerella ciclopedonale di collegamento tra la stazione MM2 di Assago Milanofiori Nord e l’area Bazzana Inferiore, a scavalco dell’autostrada A7 Milano – Serravalle, in comune di Assago e degli allegati elaborati progetti.

Vi ricordate cosa sosteneva il sindaco Musella e la sua maggioranza sul “ponte che non c’é”?

“Per il ponte nell’Italia della burocrazia e dell’inefficienza sono occorsi sforzi enormi per ottenere finalmente il completamento di tutti gli atti necessari con le relative autorizzazioni. Manca ora solo il via libera di Anas  che contiamo di ottenere al più presto. Quindi in modo certo posso affermare che riusciremo a raggiungere anche questo obbiettivo” estratto dell’articolo su Il Giorno del 7 luglio.

Ora però con la delibera n° 121 del 20 luglio emergono nuovi fatti.

Perché se sono stati fatti tutti gli atti necessari il Comune doveva ancora approvare lo schema di convenzione?

Nella delibera la Giunta prevede che, presumibilmente, a partire dal bilancio 2019 verranno corrisposti i canoni di cui all’art. 9 della Convenzione approvata al precedente punto 2).

Quindi il ponte sarà pronto nel 2019?

Il Concept progettuale del ponte riprende le linee dello scavalco del Forum ma quello che mi preme sottolineare è il calcolo dell’affluenza sul ponte perché viene calcolato considerando, oltre al residenziale, la costruzione di un parcheggio di interscambio per n. 750 veicoli circa.

Ma il numero dei posti erano 750?

Forse mi sbaglio ma mi sembra che i fatti siano diversi dalle promesse.

Roberto Murolo

 

TARI 2016 AUMENTATA DEL 44%

Nei primi giorni di luglio  è arrivato puntuale l’avviso di pagamento della Tari del Comune di Assago per il 2016.

Aperta la busta ho trovato una sorpresa, non posso dire inaspettata perché già sapevo che l’amministrazione aveva deciso di aumentare le imposte.

Ma mai mi sarei aspettato un aumento della tassa del 44%, è passata dai 113 euro del 2015 ai 163 del 2016.

Non sono l’unico che ha notato questa differenza,  cifre differenti ovviamente,  ma l’aumento supera sempre il 44%.

Ma come l’Amministrazione ci ha ripetuto all’infinito che non avrebbe mai aumentato le tasse. Ha costruito una campagna elettorale su questo tema.

Non è proprio un bel periodo per il nostro Sindaco, dopo i box, i lavori per l’ampliamento della mensa, il ponte che non c’è e la salmonella nelle rogge.

Un’altra promessa non mantenuta.

Sono curioso di sapere le motivazioni di questo aumento, incominceranno a dire di tutto.

Questa maggioranza non è più credibile, si devono dimettere tutti.

Roberto Murolo

 

INAUGURAZIONE DEL PONTE CICLO-PEDONALE BAZZANA/M2 “CHE NON C’E'”

Vi ricordate l’inaugurazione della velostazione?

IMG_9669

Era il lontano 5 ottobre 2014. articolo

Avevamo posto una domanda all’assessore Burgazzi: “Ma allora, quando sarà pronto il ponte?”

l’assessore rispose: “Bologna, Serravalle, Anas hanno approvato il preliminare del ponte ( ad unica campata di 80 mt.), ma occorrerà attendere ancora 6-9 mesi per  l’inaugurazione !

Quindi al massimo giugno/luglio 2015.

Visto che la promessa è stata completamente disattesa il 24 settembre 2015 c’è stato un incontro pubblico, in prossimità della cascina Bazzana, per discutere in maniera ‘informale‘ sulle problematiche che ancora oggi affliggono il quartiere.

Erano presenti anche le istituzioni con l’assessore Mario Burgazzi, il consigliere di minoranza Maurizio Lo Presti (M5S) ed il consigliere del PD Simona Piccolo. articolo

In quella occasione nuova promessa dell’assessore Burgazzi entro giugno 2016 inaugurazione del ponte ciclo-pedonale.

A marzo 2016 l’amministrazione, sicura dell’imminente inaugurazione, indice un bando per concessione in comodato d’uso gratuito ad associazioni senza scopo di lucro della struttura di proprietà comunale denominata “Velostazione” sita in località Bazzana Inferiore.

Nel bando si legge “Il comodato gratuito avrà durata minima di anni 2 (DUE) ulteriormente rinnovabili di altri due”.

Ma come la velostazione non serviva da interscambio tra mezzi pubblici e privati?

Perché la si dà in comodato d’uso gratuito?

Non crediamo più alle promesse di questa amministrazione.

Domenica il consigliere M5S Maurizio Lo Presti alle 11:30 presso il capolinea del 353, vicino alla velostazione, inaugurerà il ponte che non c’è.

Siete tutti invitati all’aperitivo e al taglio del nastro, ai presenti verrà consegnato un omaggio tecnologico utile ai pendolari.

Roberto Murolo

 

 

TROVATA LA SALMONELLA NELLE ROGGE

Il Sindaco Graziano Musella in data 21/06/2016 ha firmato una ordinanza dove viene fatto “il divieto temporanea di prelievo e utilizzo diretto delle acque superficiali del Cavo Borromeo e Roggia Bordona a scopo irriguo, per i tratto di competenza del Comune di Assago, per l’accertata contaminazione da Salmonella”

Ordinanza del Sindaco:

Download (PDF, 897KB)

Sono sicuro che l’amministrazione si é adoperata ad informare chi di dovere, ma ad oggi sulla prima pagina del sito del Comune non vi è traccia della notizia.

E’ da anni che il M5S controlla la situazione delle rogge e del depuratore ad Assago.

Vi ricordate l’articolo del consigliere Lo Presti “Ad Assago fogna a km 0” del 25/01/2016 e del video https://www.youtube.com/watch?v=-JZdZgJRs34 ?

Forse tanto torto non lo aveva.

Da cittadino mi piacerebbe che il mio Comune mi informasse se ci sono dei pericoli invece di riempirmi di volantini che illustrano ma anche no.

NO ALLA DISTRUZIONE DEL PARCO VERDE CIELO PER FARE POSTO A UN PARCHEGGIO

Vi ricordate della vicenda dei box interrati di via IV Novembre? Si?

Ebbene si aggiunge una nuova puntata!

Per permettere ai mezzi d’opera di raggiungere il cantiere, il sindaco Musella con la sua Giunta con DELIBERAZIONE DI GIUNTA N°. 57 del 07/04/2016, hanno deciso di farli passare attraverso il Parco Verde Cielo per giungere in via Di Vittorio.

Nella delibera troviamo scritto “autorizzazione al transito dei mezzi d’opera da Via Di Vittorio, utilizzando la superficie bitumata all’interno del Parco verde cielo,(attualmente quale sedime di fruizione pedonale e viabilità di servizio) che collega Via Di Vittorio con Via I° Maggio (area di cantiere)”

Non contenti hanno stabilito di eliminare parte del parco e con lui alberi e spazio riservato ai cani per un parcheggio  di  40/50 posti auto.

Nella delibera leggiamo anche  “adozione di appropriata autorizzazione per consentire alla ditta aggiudicataria di destinare parte delle terre di scavo, lungo la fascia del parco verde cielo che confina con Via IV Novembre per una profondità di m. 20, per il sottofondo per uno spessore coerente con il carico che la pavimentazione dovrà sopportare e in seguito, attraverso apposite individuazioni di risorse, aggiudicare i lavori per il completamento dell’ampliamento dell’area parcheggio nel rispetto della normativa vigente per ulteriori 40/50 posti auto;”

Ma Musella non aveva detto ZERO CONSUMO SUOLO ?

Ma il Sindaco non aveva detto, in Consiglio, che il contribuente si sarebbe ritrovato dei parcheggi nuovi senza spendere un euro ?

Allora il nuovo parcheggio chi lo pagherà ? Perché nella determina si dice “attraverso apposite individuazioni di risorse”.

Sono incredibili dicono una cosa ma hanno già fatto il contrario.

ORA BASTA

Ci mobiliteremo non solo in consiglio, con relativa interrogazione, ma scendendo in piazza.

Delibera di giunta:

Download (PDF, 301KB)

Roberto Murolo

VIABILITA’ INCROCIO VIA IDIOMI, DONIZETTI, RESISTENZA

Ogni Assaghese conosce la pericolosità dell’incrocio di via Idiomi “Bomisa”.

Il Sindaco Musella e la sua Lista ad ogni elezione parlano del problema, ma come velocemente viene ricordato altrettanto velocemente viene dimenticato.

E’ da quando vivo ad Assago che sento parlare di questo incrocio.

Alcune settimane fa un nostro concittadino ha scritto al Consigliere Lo Presti sottoponendogli il problema.

Dai documenti in nostro possesso si evince che:

In data 6 settembre 2013 il Comune di Assago e la Provincia di Milano venivano diffidate ad intervenire al fine di porre in essere le necessarie azioni per rimuovere la situazione di pericolo nella zona dell’incrocio fra via Idiomi e via Donizetti.

La Provincia di Milano in data 26.11.2013, rispondeva alla diffida proponendo come possibile soluzione l’installazione di un impianto semaforico di competenza comunale.

Alla data odierna, il Comune, non solo non ha risposto ufficialmente alla diffida ma non ha fatto assolutamente nulla per risolvere il problema.

Il M5S ha presentato un’interrogazione dove si chiede:

  • per quale motivo l’Amministrazione non ha dato nessuna risposta ad una diffida legale fatta a tutela della sicurezza stradale comunale

  • cosa ha intenzione di fare il Comune per rimuovere la grave situazione di pericolo stradale presente nel territorio assaghese in corrispondenza dell’incrocio fra via Idiomi e via Donizetti e soprattutto in che tempi intende procedere.

Sono proprio curioso di sentire la risposta, peccato che é da novembre che non viene convocato il Consiglio Comunale.

Roberto Murolo

 

SICUREZZA SULLE STRADE DI ASSAGO

Dopo un duro anno ho ripreso a correre ed a fare dei bei giri in bici coi miei figli.

Avete mai provato a percorrere Via dei Caduti, nel tratto che porta alla Bazzana, la pista ciclabile di Via Matteotti e Via di Vittorio nelle ore in cui manca la luce del sole?

Se non lo avete notato, sono completamente al buio.

Si propio così, in questi tratti, manca completamente l’illuminazione stradale.

In Via dei Caduti, dove sono in corso lavori di riqualificazione, a distanza di anni non sono stati ancora installati i lampioni.

Invece la pista ciclabile di Via Matteotti e di Via di Vittorio è stata progettata, visto che i lavori sono finiti da una vita, senza i lampioni.

L’Amministrazione dice che vuole incentivare gli spostamenti senza l’utilizzo della macchina in totale sicurezza ma nei fatti fa tutt’altro.

E’ per questo che, noi del M5S di Assago, abbiamo presentato un’interrogazione su questo argomento.

Qui di seguito l’interrogazione

Download (DOC, 496KB)

Roberto Murolo

 

GRAZIE SINDACO GRAZIE ISTITUZIONI

Oggi ho ripreso una famiglia “particolare” costretta a vivere in una roggia di Assago.

La madre ringrazia il Sindaco e le Istituzioni.

Roberto Murolo

 

NEWS RACCOLTA DIFFERENZIATA

In Ottobre, noi del M5S, abbiamo fatto richiesta presso il comune dei documenti  che ci potessero permettere di avere un’idea più dettagliata su alcuni temi a noi cari.

Tra i documenti richiesti ci sono quelli che riguardano la raccolta dei rifiuti.

Dopo diversi mesi siamo riusciti ad avere solo una piccola parte della documentazione richiesta.

Anche se non completi questi nuovi incartamenti ci hanno permesso di capire meglio la situazione della raccolta rifiuti.

Due sono i punti su cui abbiamo rivolto la nostra attenzione.

Il primo è stato capire la percentuale della raccolta differenziata nel residenziale per poterla confrontare con quella dichiarata più volte in Consiglio Comunale dal Sindaco Musella e dal suo Assessore Burgazzi.

La percentuale a cui si riferiscono è del 60 e oltre.

Dai dati in nostro possesso, riguardanti gli anni 2013/14, per il residenziale abbiamo solo la parte del secco e della carta e quindi conteggiamo i numeri della raccolta dell’umido, della plastica e del vetro come se fossero solo residenziali anche se comprendono anche l’industriale.

Ebbene si supera di poco il 50%, quindi siamo in piena linea con il MUD, se non peggio.

Il secondo punto riguarda il famoso progetto che riguarda la nuova programmazione della raccolta nel quartiere Milanofiori.

Lo stesso assessore sostiene che rivoluzionerà in positivo la raccolta dei rifiuti, migliorando sensibilmente la percentuale del differenziato.

Ebbene siamo venuti in possesso di questo progetto rivoluzionario, peccato che di rivoluzionario c’è ben poco, dove si prevede di utilizzare dei contenitori carrellati, di diversi colori, da collocare nelle aree gia predisposte alla raccolta dei rifiuti, esattamente come già si fa nella zona residenziale e di posizionare dei contenitori per la raccolta di toner e lampade al neon o ad incandescenza.

Come potete notare la verità dei fatti è molto lontana da quella che questa amministrazione continua a raccontare.

E’ un vero peccato che questi due punti siano stati usati dall’assessore per motivare il voto sfavorevole, della maggioranza, sulle mozioni che riguardavano la Tariffa Puntuale e i Rifiuti Zero.

Mozioni che se approvate e attuate potevano immediatamente cambiare in positivo la percentuale del differenziato e contemporaneamente far risparmiare molte famiglie.

Noi non molliamo.

Roberto Murolo