Archivi categoria: Informazioni

Informazioni di carattere pubblico

SICUREZZA ASSAGO “FINALMENTE E’ GIUNTO IL GIORNO”

Ebbene si martedì 28 febbraio alle ore 21 si riunisce, presso la sede di Via Dei Caduti,  il Consiglio Comunale.

Al primo punto dell’ordine del giorno si discuterà la mozione: Richiesta creazione COMITATO CITTADINO PER LA SICUREZZA (CCS) e nascita di un PIANO INTEGRATO PER LA SICUREZZA

Download (PDF, 194KB)

Per chi volesse venire  preparato allego:

articolo sul comitato cittadino per la sicurezza: http://www.assagoincomune.it/2017/01/24/comitato-cittadino-per-la-sicurezza/

relazione del responsabile area polizia locale

Download (PDF, 137KB)

Video serata Piano integrato di sicurezza https://youtu.be/-2NI37zqPlU

Video Serata SdQ Assago https://youtu.be/G7EAj8yajJI

Finalmente riusciremo ad avere un confronto ufficiale con l’amministrazione sul tema sicurezza.

Mi raccomando venite numerosi è un momento molto importante per la comunità di Assago.

 

I pesci del cavo Borromeo

Giovedì,  all’ingresso del Parco Agricolo in via Matteotti, ho trovato un pesce morto e altri boccheggianti in una pozza che si è creata sul letto in secca del cavo Borromeo, sotto allo scavalco della roggia Brianzona.





Questa era lo stato della roggia Brianzona il giorno stesso:

Ho segnalato ad ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente), Polizia locale e Area edilizia pubblica e ambiente.

Ricordo che a pochi metri di distanza, a gennaio, era stato trovato un airone morto.
http://www.assagoincomune.it/2017/01/30/parco-agricolo-trovato-animale-morto/

Davide Gelmini

 

(Video) Segnalate al comune discariche, roghi e acque bianche vicino alla cascina Venina – Assago

Oggi mi sono recato sull’alzaia pavese, nei pressi della cascina Venina.
https://www.google.it/maps/place/45%C2%B024’27.9%22N+9%C2%B009’30.3%22E/@45.4086344,9.1506484,1067m/data=!3m1!1e3!4m5!3m4!1s0x0:0x0!8m2!3d45.407736!4d9.158414

Questo è quello che ho trovato:

Il tutto è stato segnalato all’ Area Edilizia Pubblica e Ambiente.

Davide Gelmini

SICUREZZA LAVORI AMPLIAMENTO MENSA SCOLASTICA

In data 07/11/2016, durante le ore scolastiche, l’impresa esecutrice delle opere in oggetto, ha proceduto alla demolizione della scala di emergenza in ferro senza avvisare la scuola nella persona della Dirigente scolastica e/o RSPP del plesso scolastico.

Tale lavorazione ha messo a rischio la salute e la sicurezza del personale di servizio e dei bambini, che dopo qualche ora sarebbero arrivati in mensa per pranzare.

La Direttrice scolastica, accortasi di quanto stava accadendo, ha immediatamente protestato con gli operai (bloccando di fatto la lavorazione)  e avvisato alcuni componenti del Consiglio d’istituto che giunti sul posto hanno potuto constatare quanto accaduto.

Considerando che nel piano di sicurezza e coordinamento veniva menzionato “…. quale primo fattore di rischio l’interferenza con gli utenti della mensa scolastica”.

L’art. 92 del D. LGS 81/2008 al comma 1 lettera a) prescrive al CSE di: “verificare, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l’applicazione, da parte dell’impresa esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni a loro pertinenti contenute nel piano di sicurezza e coordinamento di cui l’articolo 100 ove previsto e la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro”.

Nel PSC sono stati previsti circa 64.000 euro di oneri per la sicurezza diretti e indiretti da riconoscere all’impresa per l’esecuzione dei lavori nel rispetto della sicurezza.

In data 18/11/2016 venivano richiesti copia dei seguenti documenti:

  • Piano di sicurezza e coordinamento
  • Piano operativo di sicurezza
  • Verbale di coordinamento
  • Piano di evacuazione scuola

Ricevendo di fatto solamente il Piano di sicurezza e coordinamento ed un Verbale di cantiere “spacciato” per Verbale di coordinamento.

Per le gravi responsabilità del CSE che non ha provveduto a convocare prima dell’inizio dei lavori una Riunione di coordinamento invitando anche la Direttrice scolastica ed il RSPP del plesso e le gravi responsabilità dell’impresa esecutrice, che nonostante le prescrizioni contenute nel Piano di sicurezza e coordinamento, ha proceduto alla demolizione della scala di sicurezza senza accertare preventivamente che gli utenti della mensa fossero sufficientemente informati ed edotti di quanto stava per accadere.

Per questi motivi  il consigliere M5S Maurizio Lo Presti ha protocollato un’interrogazione chiedendo all’Amministrazione Comunale

  • se è al corrente di quanto accaduto il giorno 07/11/2016 e della sua gravità;
  • se ha denunciato quanto accaduto all’ASL;
  • se ha preso provvedimenti in merito chiedendo al RUP di sollevare dall’incarico il CSE per gravi negligenze;
  • se ha preso provvedimenti in merito chiedendo al RUP di non riconoscere interamente all’impresa l’importo relativo agli Oneri di Sicurezza.

Download (PDF, 698KB)

Aspettiamo risposta al più presto, ma se continuano a non convocare i Consigli comunali …..

 

LA RISPOSTA DELL’ AMMINISTRAZIONE SUL CASO “PARCO AGRICOLO”

Sono mesi, se non anni, che denunciamo lo stato di abbandono in cui si trova il parco agricolo e le rogge d’Assago.

Abbiamo chiesto,  in più riprese, che l’amministrazione comunale si attivasse nel rimuovere le criticità riscontrate.

L’ultima, in ordine di tempo, è l’interrogazione prot. n. 15302/16 del 18/07/2016 “Situazione di sicurezza e situazione generale dell’area verde delimitata su tre lati da Via del Parco, Via Matteotti e Via dei Caduti.”

Download (PDF, 603KB)

Per avere una risposta dalla maggioranza abbiamo dovuto aspettare il consiglio comunale del 23 novembre 2016 perché l’amministrazione ha ritenuto di far trascorrere ben quattro mesi tra un consiglio e l’altro,  dal 20/07/16 al 23/11/16.

All’interrogazione ha risposto l’assessore Burgazzi.

Verbale del Consiglio riguardante l’interrogazione

Download (PDF, 282KB)

per chi non avesse voglia di leggere il verbale Burgazzi sul tema illuminazione ha risposto che è stata fatta una potatura degli arbusti e alberi per liberare i lampioni dalla vegetazione e testuale “Le luci cioè non è un centro abitato è un parco agricolo infatti si chiama Parco Agricolo, quindi una via di mezzo“.

Per quanto  riguarda la sicurezza e le telecamere ha risposto che le forze dell’ordine sono a conoscenza della situazione e hanno assicurato che continueranno i controlli e che c’è un unica telecamera funzionante all’ingresso del parco ritenuto il punto più critico. Il resto promesse….

Mentre per la manutenzione, solite promesse ….ha ribadito che abbiamo poche risorse.

Ad oggi nulla è cambiato e credo che nulla cambierà. La riprova l’ho avuta, durante lo stesso consiglio, quando l’assessore Becagli ha dato le sue motivazioni sulla restituzione della delega allo sport.

Verbale

Download (PDF, 320KB)

Il consigliere ha sottolineato che testuale “…..il mancato accoglimento di alcune richieste, faccio esempio, queste richieste riguardano una fontanella per il Parco Agricolo, per chi va a frequentare il parco per far lo sport,…..”

Non vogliono mettere neanche una fontanella.

In gennaio abbiamo fatto segnalazione presso il comando dei vigili di Assago. Ancora nulla.

Noi non ci fermiamo perché vogliamo dei luoghi sicuri e decorosi dove poter fare giocare i nostri figli e/o fare dello sport.

Roberto Murolo

 

 

 

PARCO AGRICOLO: TROVATO ANIMALE MORTO

Domenica ho fatto un giro al parco agricolo per verificare se le istituzioni locali, e non,  si erano attivate per risolvere i problemi evidenziati nelle interrogazioni e segnalazioni.

TUTTO COME PRIMA

Anzi no una novità c’è

 

Non so se l’animale è morto perché ha bevuto e mangiato nella roggia “fogna”  Brianzona ma la carcassa è li a pochi metri.

Una cosa è certa dall’odore uno non si può avvicinare e i fanghi depositati sul fondo, di colore biancastro, non ispirano molto.

Roberto Murolo

PARCO AGRICOLO: PARCO PUBBLICO O COSA ?

In data 23/01/2017 ho protocollato una segnalazione presso il comando dei vigili urbani di Assago riguardante lo stato di abbandono del Parco Agricolo.

Prima di tale segnalazione ho girato un video e scattato delle photo a riprova delle mie affermazioni.

In presenza del comandante segnalavo quanto segue:

  • Situazione Roggia Brianzona, sversamento di fognatura nel corso d’acqua.
  • Recinzioni e parapetti sulle rogge mancanti o deteriorati.
  • Mancanza di manutenzione delle sponde e dei letti delle rogge e dei canali con alberi caduti o pericolosamente inclinati.
  • Ponti pedonali con parapetti e/o pavimenti in legno marci e instabili.
  • Le strutture in cemento e/o mattoni nel punto dove la roggia Brianzona scavalca il cavo Borromeo sono pericolanti.
  • L’illuminazione all’interno del parco in molte parti non è funzionante.

Spero che, dopo tale denuncia, il comune si attivi nel più breve tempo possibile a rimettere in sicurezza il parco.

Roberto Murolo

COMITATO CITTADINO PER LA SICUREZZA

Nel corso degli anni, si sono succeduti diversi tentativi da parte di singoli cittadini o piccoli gruppi di sensibilizzare le varie amministrazioni comunali sul tema della nostra sicurezza, senza però che questo portasse ad interventi decisivi nella lotta al fenomeno.

Di recente, insieme a un certo numero di cittadini di Assago, ho creato ed organizzato 4 gruppi di Sorveglianza di Quartiere (APE, GALLO, CAVALLO, RANA) , sicuramente utili nelle segnalazioni e nel far crescere nella popolazione di Assago la consapevolezza verso questo fenomeno, tuttavia singole iniziative, per quanto lodevoli e a loro modo efficaci, credo non possono da sole rappresentare un valido deterrente al dilagare degli episodi di criminalità sul nostro territorio.

Durante una riunione dei gruppi di Sorveglianza di Quartiere, tenutasi il 08.04.2016, presso la Sala Castello, si sono raccolte le istanze e le proposte dei cittadini ed il giorno 09.09.2016, sempre nella Sala comunale, è stato illustrato e condiviso un documento da presentare all’Amministrazione Comunale per chiedere la creazione di un COMITATO CITTADINO PER LA SICUREZZA al fine di consentire la nascita di un PIANO INTEGRATO PER LA SICUREZZA che possa affrontare, insieme alle istituzioni preposte (Amministrazione Comunale, Polizia Locale e Forze dell’Ordine) il problema della microcriminalità.

In data 03.01.2017, ho presentato la mozione allegata, come portavoce dei cittadini aderenti all’iniziativa, invito tutti a partecipare al prossimo Consiglio Comunale dove verrà discussa ed eventualmente accolta la suddetta mozione.

Maurizio Lo Presti

Consigliere M5S Assago

(Video) Le discariche di via San Marchetto

Circa due settimane fa, ho segnalato le discariche e le tracce di roghi di via San Marchetto. (qua i dettagli: http://www.assagoincomune.it/2017/01/04/segnalate-al-comune-le-discariche-e-le-tracce-di-roghi-di-via-san-marchetto/)

A poco distanza troviamo il quartiere Bazzana di Assago:
https://www.google.it/maps/place/Via+S.+Marchetto,+20142+Milano/@45.4152181,9.1364752,1796m/data=!3m1!1e3!4m5!3m4!1s0x4786c30c93ac62f9:0x5369ad18043a213d!8m2!3d45.4186066!4d9.144903

Questa era la situazione qualche giorno fa:

Non in via san marchetto, ma più vicino alla Bazzana ho trovato questo:

Davide Gelmini

Segnalate al Comune le discariche e le tracce di roghi di via San Marchetto

Qualche giorno fa mi sono incamminato per via San Marchetto, a poche centinaia di metri dal nuovo quartiere della Bazzana.

Lungo il mio percorso, ho trovato una serie di discariche abusive con quelli che presumo siano tracce di roghi (perlomeno, in alcuni casi).



Vista la vicinanza del centro abitato, ho provveduto a segnalare il fatto al comune di Assago tramite mail.

Questa è stata la risposta ricevuta il giorno dopo la segnalazione:

grazie per la segnalazione

le confermo che il luogo da lei indicato, dove si trovano i rifiuti depositati abusivamente, è territorio di Milano. Per eventuali casi futuri le rammento che tutta la Via San Marchetto è territorio del Comune di Milano.

Come avviene sempre in questi casi, sarà ns. cura inoltrare la sua segnalazione all’Ufficio Ambiente del Comune di Milano.

Grazie

Area Edilizia Pubblica e Ambiente

Comune di Assago

Città Metropolitana di Milano

Ci tengo a ringraziare personalmente la dipendente comunale per la cortesia e per la celerità nella risposta.

Mi auguro che, a questo punto, il comune di Milano provveda nel minor tempo possibile alla pulizia e al controllo quotidiano dell’area e che il comune di Assago si attivi affinché i tempi siano brevi.

Davide Gelmini