CONTRATTI A “FREGATURE CRESCENTI”


Cari giovani (e meno giovani) lavoratori, per capire se il burlone toscano & Co. vi stiano fregando con il Jobs Act, fate una semplicissima verifica: andate in banca con uno di questi nuovi contratti “a tutele crescenti”, che loro chiamano meschinamente “a tempo indeterminato”. Poi chiedete se con quel contratto vi concederanno mai un mutuo per comprare una casa e mettere su famiglia…attendo ansiosamente risposte!

Pubblicato da

Alberto d'Anna

Ex dirigente, adesso pensionato, scrittore e.. biker

Lascia un commento