MISTERO BUFFO

Secondo Renzi (testuale, 22.7) “Le riforme costituzionali sono il Pin per accendere il telefonino e cominciare a fare le telefonate, cioè le riforme che servono per rilanciare l’economia” (del lavoro, PA, fisco etc).
Quindi, se ben intendo e fuor di metafora, le prime sono propedeutiche alle seconde (ed eccone allora spiegata l’urgenza)!
Bene! Tradotto vuol dire che se, (supponiamo) nel giro di 1-2 mesi, le riforme del Senato e della legge elettorale (Italicum) si concretizzano, allora queste riforme (che troveranno applicazione – sic stantibus rebus – nel 2018 !) potranno far speditamente procedere tutte le altre, finalizzate a risolvere problemi relativi a:
– 10 milioni di poveri
– 6 milioni di poveri assoluti
– 46% disoccupazione giovanile
– tasse sulla casa raddoppiate
– tasse su imprese, lavoratori e pensionati più alte d’Europa
– meno 1,9% di fatturato industriale nell’ultimo mese.
Cari amici Piddini, ho capito bene?
O forse l’urgenza è dovuta a chiudere al più presto il Patto del Nazareno, sottoscritto 7 mesi fa dal Riformatore spregiudicato col Mafiatore pregiudicato (secondo Napolitano, oggi, “interlocutore significativo”) ?
Quel Patto che prevede l’abolizione del Senato e nuova legge elettorale (pro Renzi) e la riforma giudiziaria (pro Berlusconi) !!
E se i due non ci riescono? Allora si va subito alle elezioni (Renzi dixit) !
E chi CAZZO se ne frega dei problemi reali degli italiani !
Attendo lumi…

Lascia un commento